La guida turistica di Berat

La città dalle finestre sovrapposte

Berat, città dalle finestre sovrapposte
Berat

Berat, una città millenaria, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è l’orgoglio dell’architettura albanese e si trova a 120 km da Tirana.

La città forma una meravigliosa combinazione di culture orientali e occidentali, costumi, tradizioni e prospettive. Berat è un tesoro della storia e della cultura albanese e una testimonianza della tradizione di armonia religiosa del Paese.

La vita della città iniziò nel VI-V secolo a.C. come un insediamento illirico. Successivamente, nel III secolo a.C., fu trasformata in una città-castello nota come Antipatrea. Il castello si espanse in seguito, in particolare durante il dominio feudale della famiglia Muzakaj.

Cosa puoi visitare a Berat

  • Il museo Onufri
  • Il museo etnografico
  • Il castello di Berat
  • Le rovine della moschea bianca
  • La chiesa di San Mill
  • La chiesa della santissima trinità

All’interno del castello, sono state costruite chiese con pregevoli affreschi e icone, e anche una scuola di calligrafia. I residenti vivono ancora all’interno delle mura del castello. I tre quartieri principali della città vecchia sono Mangalem, Gorica e Kala, dove si trova il castello stesso.

A Mangalem, sotto il castello, si può vedere la famosa vista delle facciate delle case, con finestre che sembrano stare una sopra l’altra. In generale, una casa tradizionale ha due piani, dove il secondo è prominente e ha molte finestre incurvate e sculture in legno. Con le sue case costruite lungo la ripida collina, la vista di Mangalem è la ragione per cui un altro nome per Berat è la città dalle finestre sovrapposte.

Berat Albania Citta Albanesi
Berat, Albania

Dall’altra parte del fiume Osum si trova il quartiere di Gorica, le cui case si affacciano su quelle di Mangalem. Il ponte ad arco di Gorica, costruito nel 1780, è un bellissimo monumento architettonico costruito per collegare Gorica con Mangalem.

L’insieme delle chiese bizantine nel castello di Berat è straordinario. Ai piedi del castello, vi è la chiesa bizantina di Shën Mëhilli (San Michele), mentre la chiesa del 13 ° secolo di Shën Maria e Vllahernës (Santa Maria Blachernae), la Chiesa di Shën Triadha (La Santissima Trinità), la cattedrale monumentale post-bizantina di Shen Maria (Santa Maria) e molte altre chiese si trovano nel castello.

La Cattedrale di Shën Mëria ospita un museo di opere dei famosi iconografi del XVI secolo: Onufri e suo figlio, Nikolla. Ci sono oltre 100 icone in mostra e includono anche opere di altri artisti come Joan Çetiri, Onufër Qiprioti e molti pittori anonimi.

È anche possibile visitare il Monastero di Shën Spiridhoni (San Spiridione) a Gorica. Nel 1417, gli Ottomani occuparono Berat e questa conquista lasciò il segno con la costruzione di monumenti della cultura islamica, come la Xhamia e Kuqe (Moschea Rossa) all’interno del castello, la Xhamia e Plumbit (1555), la Xhamia e Beqarëve (1872) nel quartiere Mangalem ma anche Xhamia Mbret (Moschea del Re) (16° secolo), e Halveti Tekke o Tariqa nel centro medievale.

Altri siti da visitare sono il Museo Etnografico, situato all’interno di un edificio çardak del XVIII secolo, e la Edward Lear Gallery of Art, un noto pittore inglese che dipinse gran parte di Berat e dell’Albania. Inoltre Berat è noto per i suoi piatti tradizionali. Vale la pena assaggiare specialità come “Pula me përshesh” e “Çorba e Tomorrit” nei ristoranti locali. Si consiglia anche di visitare il Monte Santo di Tomorr.

Articoli recenti su Berat

Video su Berat e altro ancora

Attualmente in riproduzione

Berat, un museo a cielo aperto

Discussione su questo articolo