La guida turistica di Tirana

Tirana è la capitale dell’Albania del 1920. Fondata nel 1614 da Sulejman Bargjini. Si ritiene che il nome Tirana derivi dalla parola “Theranda”, citata nelle antiche scritture greche e latine, che gli autoctoni del luogo chiamavano “Te Ranat”.

Oggi Tirana non è solo la città più popolosa d’Albania ma anche il più grande centro politico ed economico del paese.

Il monte Dajti è vicino alla città mentre il grande parco nazionale con lago artificiale si trova nella parte meridionale della capitale.

E la città è nel mezzo di cambiamenti massicci, parte dell’ambizioso progetto Tirana 2030, messo a punto dallo studio milanese Stefano Boeri Architetti, che rivoluzionerà l’immagine della capitale albanese – riempiendola di anelli concentrici di spazi verdi, nuove scuole pubbliche e case eco-friendly.

Cosa fare a Tirana

Diventate avventurosi

In cima al Dajti Ekspres, l’unica funivia dell’Albania, c’è la possibilità di pedalare sulla montagna, fare arrampicata, passeggiare o visitare il Parco dell’Avventura, il quale presenta sentieri di liane attraverso le corone degli alberi.

Vita al parco

Parku Rinia è un parco carino in pieno centro ed è casa del cartello “I Love Tirana” che avrete visto in mille foto. Il più grande Grande Parco di Tirana (“Parku i Madh Kodrat e Liqenit”) è circa 15 minuti più a sud e molto più tentacolare – contiene laghi, prati, lo zoo della città ed il Palazzo Presidenziale Albanese nella sua parte più ampia.

Bunkerizzatevi

Bunk’Art (aperto dal mercoledì alla domenica 09:00-16:00, chiuso di lunedì e di martedì) si trova verso la funivia Dajti Ekspres, mentre la sua sorella minore Bunk’Art 2 (aperta tutti i giorni dalle 9 alle 18) si trova vicino Piazza Scanderbeg. Entrambi sono rifugi antibombe costruiti durante il regime di Hoxha, i quali sono stati trasformati in spazi di esibizione e di eventi dove l’arte e gli oggetti storici vengono esposti. Questi bunker misteriosi di cemento meritano davvero una visita ed il principale è così grande da poter contenere addirittura un proprio teatro.

Lezione di storia

Il Museo di Storia Nazionale (aperto martedì-sabato 10-17 e domenica 9-14) contiene una marea di esibizioni riguardo il passato del paese. Sulla facciata frontale dell’edificio si può apprezzare un famoso mosaico social-realista degli anni del comunismo, il quale mostra diversi albanesi orgogliosi lavorando sodo.

Dove prenotare a Tirana

La torreggiante Plaza è la scelta di diplomatici in visita, di leader del business e di estravaganti celebrità anche. Raffinato, decoro moderno su tonalità calde d’autunno, servizio gentile e spazioso, spa esclusiva. Doppie da €110, solo stanza.L’amichevole Theranda è una piccola boutique hotel con giardino nel quartiere Blloku, il quale era riservato a personalità di alto profilo del regime (Hoxha abitava qui), che però adesso è casa dei ristoranti migliori della città, dei bar e dello shopping. Doppie da €40, solo stanza.In cima al Monte Dajti c’è un hotel – il Dajti Tower Belvedere – lontano dal trambusto del centro di Tirana e con un’architettura pazzamente modernista, con un bar girevole sul tetto. Doppie da €60, solo stanza.

Dove mangiare a Tirana

Era Vila (tutti i giorni, 11 – mezzanotte) è una piccola taverna con un’atmosfera adorabile ed un piccolo giardino, facendovi sentire di stare lontani dalla città. Provate il pollo con riso (“pilaf”) ai pinoli o gli spinaci al forno. Le persone dietro questa impresa gestiscono anche un servizio di consegna a domicilio ed un altro ristorante.

In cima al Monte Dajti c’è Ballkoni Dajtit (tutti i giorni 9-19, chiuso di martedì). Tutte le specialità locali sono all’ordine del giorno qui, come lo stufato di polpette piccanti. Noi vi consigliamo le “fasule pllaqi” (fagioli e peperoni serviti col vapore in una pentola calda) ed il burro fritto con frutti di bosco, tutto accompagnato da birre e vini locali. Il ristorante si poggia sul bordo della cima della montagna, concedendo una vista splendida sulla città.L’esclusivo ristorante Millennium Gourmet (tutti i giorni 11 – 23:30) è un ritrovo snob dove le persone influenti di Tirana si ritrovano le sere del fine settimana per cenare con entusiasmo. Mischiando ingredienti locali con influenze italiane e francesi, gli chef preparano piatti che includono filetto affumicato di maiale con olive e cavolfiore; carciofi con mandorle, zafferano, uva e vino bianco; e tartare di pesce con asparagi, yuzu e lime.

Dove bere a Tirana

Dovete andare per forza a Bunker 1944 (venerdì e sabato 18-02, da domenica a giovedì 17-01). Questo bar rinomato prende il nome dall’anno in cui l’Albania cacciò gli invasori nazisti ed instaurò un governo comunista; l’aspetto è volutamente di metà secolo infatti. Band live e DJ tengono il posto vivo ed anche gli aperitivi sono singolarmente attraenti. I fratelli Belushi possono essere gli attori più famosi di orgini albanesi, però uno dei drink qui, la vodka e yogurt Nafije, prende il nome un’altra icona dello schermo albanese di metà ventesimo secolo.

Dove fare shopping a Tirana

Numerosi negozi sono sbocciati a Tirana dalla caduta del comunismo, però per un’esperienza meno generica è carino perdersi tra le strade come Myslym Shyri, dove potete trovare vari negozi più piccoli che vendono di tutti: dai vestiti agli articoli per la casa, passando per gli onnipresenti tappeti locali. In Piazza Scanderbeg c’è la famosa libreria Adrion (aperta tutti i giorni dalle 8 alle 21:30), la quale vende libri in inglese e riviste, tomi sull’Albania, cartine e souvenir.

Cosa puoi visitare a Tirana

  • La Moschea di Et’hem Bey
  • Gli edifici dei ministeri (che posseggono grande valore architettonico)
  • Il castello di Petrelë
  • Il castello di Preza
  • Il Ponte di Tabakeve (dei Conciatori)
  • Il Cimitero dei Martiri
  • La Tomba di Kapllan Pasha
  • I musei (nazionale ed archeologico) e la Galleria Nazionale d’Arte

Discussione su questo articolo