22 marzo, la festa del Sultan Nevruz

Il 22 marzo si celebra l’antica ricorrenza di Sultan Nevruz. Secondo l’antica tradizione persiana, con l’arrivo di questo Giorno Nuovo della primavera, arriva l’anno nuovo, la rinascita nuova e va accolto con i dovuti onoramenti.

22 marzo, la festa del Sultan Nevruz / Festività in Albania
22 marzo, la festa del Sultan Nevruz / Festività in Albania

Origini

Sultan Nevruz è stato celebrato come l’arrivo della primavera e più tardi come il compleanno di Imam Ali, dotato di una straordinaria conoscenza. Il profeta Muhammad diceva: ” Io sono la città della conoscenza e Ali è la sua porta”.

Ha lasciato tre principi:

Grado di pensiero, unità umana, giustizia

Pertanto è rimasto un simbolo permanente Bektashi, Bektashi, Halva, Kaderi, Rifai, Saadi…giuro: Yeah Muhammad – Ali!

Prima dell’Islam, questa festa è stata celebrata dai persiani che hanno avuto due stagioni, estate e inverno. È il Nawrūz – nome del nuovo anno iraniano. L’ estate veniva festeggiata dal 22 marzo a 22 settembre.

Più tardi, nel mondo islamico, il 22 marzo nacque Imam Ali, l’unico figlio nato nella Kaaba. Da quel momento, Sultan Nevruz fu celebrato da tarikat come compleanno di Imam Ali. La comunità Bektashi ha celebrato questa festa per circa 800 anni nella stessa data.

Il nome Nevruz deriva dal persiano e il suo significato è “New Day”. Il nome ” Sultan” è il titolo più alto che si possa ottenere.

In Albania questa celebrazione ha iniziato ad essere celebrata intorno al secolo XIV quando il Bektashismo si diffuse in Albania.

Dopo la caduta del Comunismo, viene decretata come festa nazionale partendo dal 1996.

Questa festa dura tre giorni. Il primo giorno è celebrato in famiglia. Il secondo giorno sono gli anziani che vengono tenuti in luoghi sacri per onorare gli imam, e il terzo giorno è quello delle donne e delle nuove spose.

I credenti scambiano le visite e pregano. Al mattino si beve il latte e il succo delle erbe considerate come bevande del paradiso. Simboleggiano la purificazione del corpo e dell’anima.

Verso le ore 10 del mattino viene svolta la cerimonia dove i chierici insieme ai credenti che indossano i migliori abiti cantano la canzone dedicato a Sultan Nevruz. Le benedizioni si rivolgono per gli orfani, i poveri e a tutti coloro che sono nei guai.

In questo giorno di festa, i Bektashi seminano fiori nelle loro case o in altri posti come per esempio nei parchi o nelle case degli altri( parenti o amici). Stendono attraverso le porte degli rami di uliveti.

Un rituale interessante è che in piena estate vengono appesi rami di rose o di melograno. Vengono cucinati alcuni cibi caratteristici ereditati di generazione in generazione. Si cucinano le torte salate con 12 varietà di erbe.

Le piante simboleggiano la nuova vita che germoglia e che prospera. La torta include dentro anche una moneta di metallo. Colui che trova la moneta viene considerato uomo o donna fortunato e avrà un anno prospero .

Per il Sultan Nevruz i credenti devono sacrificare un animale ( pollo o agnello). Come dolce si cucina la crema di riso al latte che simboleggia il latte materno, e che fa il cappello di zaffiro.

Sabina Darova

Discussione su questo page