Mentalità da bunker: l’uomo che ha costruito la città stalinista sotterranea dell’Albania

Potrebbe questa reliquia della paranoia comunista albanese diventare la prossima attrazione turistica del paese?

Bunker Kukes Albania
data-auto-format="rspv" data-full-width>

Un reportage pubblicato dal prestigioso media britannico The Guardian

Autori: Shaun Walker e Fatjona Mejdini

Feti Gjici e suo cugino sindaco mirano a trasformare una reliquia della paranoia comunista albanese in attrazione turistica

Per quasi due decenni, Feti Gjici ha lavorato a un progetto così segreto che doveva nascondere i suoi progetti in un luogo sicuro prima di lasciare il suo ufficio ogni sera. Non ne ha mai parlato con i suoi amici o familiari.

Gjici era il principale progettista della città di Kukës, nel nord dell’Albania, che ha lavorato durante gli anni del regime comunista del paese guidato dal dittatore stalinista Enver Hoxha. Il leader paranoico e isolazionista era terrorizzato dall’imminente guerra tanto da costruire centinaia di migliaia di bunker per difendere la popolazione dalla minaccia di invasione.

A Kukës, non lontano dal confine con la Jugoslavia socialista, le cose sono andate oltre. Il compito di Gjici, che iniziò agli inizi degli anni ’70 e terminò solo con il crollo del regime nel 1991, fu quello di costruire una replica sotterranea della città Kukës a 30 metri di profondità.

Nei primi anni ’70, il progetto originario prevedeva una serie di rifugi antiaerei. Con l’arrivo degli anni ’80, su ordine dei capi dell’esercito, Gjici aggiunse altri tunnel e stanze al progetto sotterraneo, incluso lo spazio per una tipografia, un ospedale e una panetteria. Quindi, sono state aggiunte le reti elettriche e idriche. Doveva esserci un centro di comando dell’esercito, un posto di polizia e un’aula di tribunale. L’idea era che 10.000 persone dovevano essere in grado di vivere in questi rifuggi per un periodo massimo di sei mesi.

“Certo, in tempo di guerra, le cose potrebbero funzionare a capacità ridotta, ma l’idea era di replicare l’intera città sottoterra”, ha ricordato Gjici, ora 72enne.

All’inizio degli anni ’70, le autorità comuniste inondarono l’intero insediamento di Kukës con un lago artificiale durante la costruzione di una centrale idroelettrica. Gli urbanisti hanno dovuto progettare una città nuova di zecca più in alto per ospitare l’intera popolazione. Gjici stava lavorando al progetto della nuova città di Kukës, quando esponenti dell’esercito e della polizia segreta gli si avvicinarono. “Dato che stavo facendo un buon lavoro, mi hanno affidato i piani per la città sotterranea”, ha detto.

Alla domanda su cosa avrebbe detto a un collega se gli avesse chiesto su che cosa stesse lavorando, ha riso. “Non era abitudine che le persone ti chiedessero cosa stavi facendo”. Sua moglie era vagamente consapevole che stava lavorando a un progetto sotterraneo da molti anni, ma non ha mai voluto sapere i dettagli.

Poiché il rifugio era così segreto, Gjici aveva un team di soli 30 operai edili per costruirlo, poiché ogni lavoratore doveva essere accuratamente controllato dai servizi di sicurezza; dovevano essere politicamente affidabili. “Meno persone lo sapevano, meglio era”, ha aggiunto. Questa piccola squadra è stata ulteriormente suddivisa in coppie, inviate a lavorare in diverse parti del rifugio, senza rendersi conto che esisteva un’enorme rete interconnessa.

Durante gli anni ’80, le autorità eseguivano esercitazioni periodiche: quando suonava la sirena, l’intera popolazione di Kukes poteva raggiungere i rifuggi in sette minuti, attraverso 30 ingressi alla rete. Una volta raggiunti i rifuggi sotterranei era vietato spostarsi, per via delle informazioni classificate sull’intera rete era collegata da tunnel che si estendeva per miglia.

La costruzione della rete sotterranea fu completata nel 1989 quando furono installati gli impianti di elettricità e acqua. Ma prima che ciascuna delle aree potesse essere adeguatamente equipaggiata per la sua funzione pianificata, il regime cadde.

In questi giorni, scendere in questi tunnel non è un’impresa per i deboli di cuore. Gjici ancora pimpante scende lungo una scala umida e piena ragnatele sempre più in profondità. La maggior parte degli accessi alla rete di tunnel e stanze è bloccato da enormi mucchi di sabbia e fango.

Ma dopo 30 anni di abbandono, il nuovo sindaco di Kukës, Safet Gjici, cugino di Feti, vuole finire ciò che i comunisti hanno iniziato e completare i lavori nei sotterranei di Kukës prima di aprirlo al pubblico.

Negli anni ’90, dopo aver ascoltato le storie di suo cugino, era diventato curioso ed è sceso nella rete abbandonata con alcuni amici. “Sinceramente, non immaginavo quanto fosse profondo”, ha detto il sindaco in un’intervista. “Siamo scesi fino ad un certo punto poi, terrorizzato, sono tornato indietro. Girano voci su persone che sono andate laggiù e non sono più tornate. ”

Più tardi tornò di nuovo, questa volta con suo cugino e torce adeguate, incapace di credere quanto fosse grande. Poi qualche mese fa è stato eletto sindaco e ha deciso che era tempo di agire. Così iniziò a prendere forma una grandiosa visione

“Vogliamo trasformarlo in una città sotterranea piena di locali per i turisti”, ha detto. Sebbene le sue idee fossero ancora vaghe, ha pensato dei ristoranti, punti di attrazioni e negozi, persone in grado di viaggiare attraverso i tunnel fino al lago artificiale e poi prendere imbarcazioni da diporto. A marzo spera di concludere un accordo per 2,6 milioni di euro di finanziamenti UE per iniziare i lavori di ristrutturazione. C’è anche chi ha messo in dubbio la trasformazione di un’eredità comunista in un punto di attrazione. Ma ci sono già degli esempi. Il vasto complesso di bunker costruito per l’élite alla periferia della capitale, Tirana, è già stato trasformato in un museo. Ci sono progetti di aprire al pubblico la casa di Hoxha, lasciato esattamente com’era quando il dittatore morì nel 1985.

“Nel resto dell’Europa comunista, le repressioni finirono negli anni ’60, ma qui andarono fino alla fine”, ha affermato Enriketa Papa, storica dell’Università di Tirana. “Le persone morivano di fame nonostante ciò si andava avanti costruendo dei bunker. Perché ora dobbiamo costruire dei musei- bunker, mentre non abbiamo musei dedicati alle vittime del comunismo? “

Safet Gjici e fermamente convinto che il progetto non trascura il lato oscuro degli anni del comunismo. “È stato un momento terribile. Metà del paese era informatore del regime e c’erano restrizioni su tutto. Vogliamo metterlo alla luce, non tanto per noi stessi ma per chiunque visiti la nostra terra “, ha detto.

Suo cugino era molto più ambiguo, riflettendo una certa nostalgia per il regime di Hoxha ancora presente tra popolazione anziana dell’Albania, in particolare quelli che occupavano posizioni privilegiate. “Venivo da una famiglia di un villaggio di agricoltori e ho potuto studiare ingegneria nella capitale insieme al genero di Hoxha. All’epoca non c’erano discriminazioni “, ha detto, sorvolando su esecuzioni, campi di lavoro e prigionieri politici.

Per quanto riguarda la città sotterranea, ha respinto l’idea che la sua costruzione provenisse da una mentalità paranoica affermando che era il “minimo assoluto” che ogni governo ragionevole dovrebbe fornire ai suoi cittadini. “Ora ne abbiamo più bisogno che mai”, ha detto. “Dovrebbe essere mantenuto per insegnare alle giovani generazioni che il rischio di guerra è sempre lì”.

Per non perdere gli articoli di Albania News seguiteci su Google News

data-auto-format="rspv" data-full-width>

Discussione su questo articolo